Questo sito usa i cookies
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
×

Mi ricordo quando, con mio zio Andrea, ho imparato a pedalare da sola. 

Come tutte le estati, passavo qualche settimana dai miei nonni, una sorta di "vacanza" per me, mi piaceva tantissimo stare con loro e con i miei zii. 

Mio nonno mi portava sempre in giro,il giornale la mattina, la spesa, poi una passeggiata.
Tutti i giorni, durante la pausa pranzo di mio zio, era d'obbligo un bagno in piscina. Non vedevo l'ora! Poi verso sera,quando il grande caldo del pomeriggio era meno intenso,giretto in"bici".
Non ero molto brava ma volevo imparare. 

La mia prima Mtb era gialla, me la ricordo bene, dietro aveva inizialmente le rotelline, poi solo una specie di sostegno sul posteriore che permetteva a chiunque fosse con me di accompagnare la mia pedalata e farmi mantenere l'equilibrio. 

Un giorno mio zio mi mollò, lasciandomi sola con la bici. 

Quando mi sono fermata e non l'ho visto dietro ero emozionantissima! Avevo imparato a pedalare da sola!!!! 

Da lì è iniziato tutto. 

Mia sorella Rebecca era già una ciclistina! Correva con una società vicino a casa, quella con cui ho poi iniziato a correre io all'età di 5 anni. L' A.C. Serramazzoni. 

L’ammirazione per quello che faceva lei mi ha invogliato a provare.
Inizialmente infatti era proprio mia sorella che mi creava dei mini circuiti davanti a casa per farmi imparare ad avere più confidenza con la mia nuova bici che mi aveva fornito il mio mitico primo allenatore Benito Mantovi, “la colonna portante” del ciclismo di Serramazzoni, ma non solo, anche del mio futuro di ciclista. 

Con lui infatti ho iniziato da "G.0", categoria che aveva inventato lui per le GIMCANE organizzate vicino a casa durante le sagre,e sono arrivata fino alla categoria allieva primo anno. 

Con lui sono stati tanti i successi ma ancor di più, forse, le sconfitte. Devo tanto a lui e ai suoi insegnamenti . 

Mi ha trasmesso proprio una grande passione per questo sport, la felicità di salire sulla bici ed essere contenta di qualsiasi risultato, anche oggi. 

Con lui ho fatto anche tanta esperienza, tante gare in Mtb, ciclocross, pista, strada, un po’ di tutto!!! 

Ho ottenuto anche vari risultati, forse proprio quelli che mi hanno convinta che era proprio la strada giusta quella che stavo seguendo. 

Qualche campionato provinciale e un primo posto al meeting nazionale mtb nelle categorie giovanili senza tralasciare la vittoria su strada da G6 a Formigine, un'emozione incredibile, avevo battuto tutti i maschi arrivando da sola a braccia alzate. 

Poi, nel 2010 a Mori, al campionato italiano pista un secondo posto nella velocità che non mi sarei mai aspettata vista l'inesperienza, ero infatti alle prime armi con la pista! 

A Povegliano nel 2011, primo podio nella categoria Esordienti su strada, ero secondo anno e riuscire a raggiungere il terzo posto dietro a grandi campionesse come Miriam Vece e Martina Alzini (pluricampionesse) era per me un'emozione incredibile! 

In quello stesso anno, nella Capitale, avevo anche festeggiato il mio primo tricolore al campionato Italiano ciclocross. Ancora adesso, a pensarci mi vengono i brividi. Che felicità. Un gran supporto da parte di tutti e una gara stupenda! 

Nel 2012 poi, a Bolzano ho raggiunto il terzo gradino del podio, sempre di ciclocross, un po' di rammarico vista la stagione, che per qualche problema fisico non era andata nel migliore dei modi. 

Al contrario, invece, il 2012 é stato incredibile. Il ciclocross mi ha regalato tantissime emozioni. Le più belle sono state la vittoria del Giro Rosa e del campionato Italiano a Vittorio Veneto ma non solo grazie a me, soprattutto grazie a Milena Cavani e Daniele Pontoni che mi hanno ampiamente aiutato nella preparazione della stagione. Ho infatti partecipato a un ritiro a casa del Campione del mondo che mi ha permesso di imparare tantissime cose, fondamentali per il mio ciclocross. Poi la grande Milly, che mi accompagnava in ogni allenamento. I faticosi allenamenti con lei erano sempre all'insegna dell’ilarita’. 

Quel tricolore é stato anche un grande ringraziamento e un saluto a quella società che mi ha cresciuta, mi ha migliorata e mi ha fatto arrivare fino a dove sono ora. In seguito ho deciso di passare nella categoria allieva secondo anno (2013), nella società Forlivese dove ho incontrato due persone a dir poco fantastiche, Paolo Mengozzi e Annarosa Tardozzi. 

Loro mi hanno dato tanto e fatto crescere sia a livello sportivo che personale. Ho infatti raggiunto moltissimi risultati tra cui 5 vittorie ai campionati regionali su pista, un primo posto nel campionato regionale cronometro,un terzo posto nella velocità olimpica al campionato italiano pista a Dalmine oltre a una vittoria su strada e un secondo posto nell’inseguimento individuale, sempre in pista, sempre a Dalmine. Forse quest’ultimo risultato é stato quello che mi ha lasciato un segno, non me l'aspettavo,ma dal momento in cui sapevo di essere in finale volevo quel primo posto, volevo quella maglia tricolore perché non me la meritavo soltanto io ma anche il mio allenatore. 

Non ci sono riuscita ma é stata comunque una grossa soddisfazione e credo anche l’ingresso a quella che oggi é la mia presenza in nazionale. 

É per questo che a Paolo devo tanto.
L'anno dopo , infatti, (2014) nella Vacchia Fontana ho avuto la mia prima convocazione in Nazionale. 

Prima il campionato europeo in Portogallo poi quello mondiale in Korea dove sono arrivata 4a nella corsa a punti. 

Ho poi terminato la stagione con una brutta caduta ai campionati italiani pista ad ottobre che mi hanno costretta a un mese di fermo bici e gare. 

Fortunatamente mi sono ripresa bene e ho iniziato, così, una stagione a dir poco fantastica!! 

Nel 2015 sono passata, infatti, nella Fenice Ladies Team. Una squadra che mi ha permesso di conoscere persone stupende,le mie compagne e il mio allenatore Paolo Ratti. Forse chiamarlo soltanto allenatore é riduttivo perché oltre a quello é stato anche un grande amico!! 

Qualche problema con il presidente ha permesso a tutta la squadra di unirci ancora di più e diventare davvero una grande famiglia! 

Ho vinto in quell'anno una gara su strada, ho ottenuto vari piazzamenti e sono stata convocata al Campionato Europeo pista ad Atene dove, assieme a Marta,Elisa e Sofia, ho ottenuto un incredibile primo posto con il raggiungimento del Record del Mondo nel quartetto e da sola un primo posto, non da meno, nella corsa a punti. 

Due medaglie d'oro e due maglie di campionessa europea. Non ci credevo! Un sogno che finalmente si realizzava! 

Tornata a casa i festeggiamenti sono stati tantissimi! Che emozione!!!! 

La mia famiglia, come sempre,poi, mi ha dato tantissimo. La felicità condivisa con loro nel veder avverati i miei sogni. Mamma e papà sono infatti due persone a cui devo dire grazie per tutto quello che hanno sempre fatto e per tutto quello che continuano a fare per me in ogni istante della mia vita. 

Tanti sono stati i loro sacrifici per farmi arrivare dove sono e gli incoraggiamenti per superare i momenti difficili,perché il ciclismo, come la vita, é fatto anche di questi. 

Lo stesso anno ho poi partecipato al campionato europeo su strada a Tartu,in Estonia e anche lì...Che dire... Emozionante! Il primo posto della mia compagna Nadia Quagliotto e il mio secondo posto sono stati la ciliegina sulla torta per questo anno fantastico. 

Non ero però soddisfatta, volevo di più.
Volevo il campionato del Mondo su pista, in Kazakistan, che è stato, però, per me deludente. 

Purtroppo siamo state squalificate per doppia partenza falsa e abbiamo dovuto abbandonare il sogno iridato. Anche la corsa a punti, disputata lo stesso giorno, non è poi andata nei migliore dei modi, ormai il morale era a pezzi. 

A fine anno, al campionato italiano pista sono, infine, riuscita a conquistare due maglie tricolori, una nello scratch e una nel quartetto assieme a Nadia, Elisa e Giorgia. 

É poi arrivato il tanto temuto passaggio nella categoria superiore.
Nel 2016, infatti, diventata Under23 ho avuto l'onore di poter far parte in una grande squadra. 

Parlo della mia attuale società la  Cylance  pro Cycling. Con questo team sto facendo esperienza in ogni parte del mondo: Quatar, Cina, Inghilterra,Francia, Olanda,Belgio... 

Spero di poter ricambiare raggiungendo grandi traguardi e dare a loro e a me stessa tante soddisfazioni.

I miei PROFILI SOCIAL

Rachele Barbieri sui Social

facebooktwitterinstagram

Regalami un MI PIACE

Facebook


Twitter

 

Contatti

logo gpeventi

  info@gpeventi.it

 +39 0536 94 68 31

JUMP TO TOP

Languages

Languages